Cameretta montessoriana: 5 must have per arredarla!

Cameretta montessoriana: 5 must have per arredarla!

Una stanza a misura di bambino che aiuta a crescere.

Dal lettino giusto, alle luci, dalla libreria alla zona dedicata al gioco, ecco i 5 elementi d’arredo indispensabili per arredare la cameretta in stile Montessori! 

Se sei mamma, avrai sicuramente sentito parlare del metodo Montessori, la pedagogia volta a promuovere l’autonomia del bambino, basata sul rispetto per il suo naturale sviluppo fisico e psicologico. 

L’idea che sta alla base di questa filosofia sviluppata dall’educatrice e pedagogista Maria Montessori all’inizio del XX secolo, è quella di dargli la libertà di scegliere e di agire in un ambiente il più possibile adatto a lui. 

Se sei curiosa di approfondire, in questo articolo ti spieghiamo come applicare i principi di questo metodo per arredare il centro del mondo per il tuo bambino, ovvero la cameretta!

Cameretta montessoriana: spazi a misura di bimbo!

Arredare la cameretta del tuo bimbo secondo il metodo Montessori, significa innanzitutto creare un’atmosfera rilassante e armoniosa, scegliendo colori neutri, tinte pastello e materiali naturali come il legno. Basato su 4 principi - libertà, apprendimento, autodisciplina e rispetto del ritmo del bambino - il metodo Montessori viene applicato attraverso oggetti, mobili e l’organizzazione dell’ambiente. L’arredamento montessoriano deve essere installato all’altezza del tuo bimbo e disposto in maniera tale che possa crescere autonomamente, vestirsi, giocare e andare a nanna senza l’aiuto degli adulti. 

La cameretta dovrà essere il più possibile tranquilla e pensata per farlo sentire in un luogo sicuro e protetto.

Per riuscire a creare un ambiente di questo tipo, secondo il metodo Montessori è essenziale suddividere e delimitare lo spazio della cameretta in 3 zone separate, dedicata ciascuna ad un’attività specifica:

  • Zona notte: dimentica i letti con le sbarre e scegli un lettino basso per bambini, a prova di caduta! Come è sottolineato dall’arredo Montessori, è molto importante creare un ambiente che incoraggi il tuo bambino a crescere secondo il suo ritmo e ad imparare con fiducia. Con questo modello, potrà andare a nanna da solo e alzarsi senza l’aiuto di mamma e papà, in totale sicurezza. 
  • Zona per il cambio: a partire dai 18 mesi il tuo bambino potrà iniziare a vestirsi da solo. Per incoraggiarlo ad essere indipendente, puoi lasciare a sua disposizione sul lettino o appesi ad un attaccapanni dei vestitini tra cui scegliere. Insegnali a indossarli e poi lascia fare a lui... rimarrai sorpresa dalla rapidità con cui tuo figlio vorrà fare tutto da solo! 
  • Zona dedicata al gioco: tutti i giochi devono essere a portata di mano, in modo che possa gestire le sue attività in modo indipendente, senza dover chiedere aiuto. Arreda questa zona della cameretta con tavolini e sedie per bambini e scegliendo dei mobili Montessori che siano all’altezza del tuo bambino, in modo che possa prendere i suoi giochi e rimetterli al loro posto facilmente. Scegli dei giocattoli che possano stimolare la sua fantasia, ma nessun surplus: in una cameretta montessoriana devono regnare l’ordine e la pulizia!

Camerette Montessori: 5 idee per arredarle! 

Dai lettini bassi per bambini alla libreria, dalle luci alla zona dedicata al gioco, ecco i 5 must have per arredare una cameretta Montessori: 

1. Lettino a casetta: fulcro della cameretta, questo modello rispetta tutti i principi dei letti in stile Montessori. Il tuo bimbo potrà salire e scendere in completa autonomia, senza dipendere dai genitori e in totale sicurezza, visto che l’altezza minima del materasso è a prova di caduta! 

Le misure del lettino montessoriano: rispetto ad un lettino standard, l’altezza da terra del materasso non deve superare i 20/25 cm. 

2. Ghirlanda luminosa: l’accessorio perfetto per decorare la struttura del lettino e far diventare la nanna l’avventura più bella di tutta la giornata!

3. Libreria frontale: secondo il metodo Montessori, il tuo bambino deve poter scegliere da solo i libri preferiti, riconoscere le copertine anche se non sa leggere e rimetterli al proprio posto. L’unica regola da seguire? Scegliere le letture in base alla sua età. 

4. Tappeto: una camera Montessori non sarebbe completa senza un morbido tappeto con cui arredare la zona giochi e quella dedicata alla lettura! A quale bambino non piace vivere per terra? Lascia il tuo bambino libero di camminare scalzo, aggiungi qualche cuscino... e il voilà, il gioco è fatto! 

E se il tuo bimbo è ancora piccolo, perché non scegliere un tappeto gioco? 

5. Contenitori per giochi: indispensabili per mostrargli come conservare i suoi giocattoli, che dovranno essere sempre nello stesso posto per educarlo all’ordine e abituarlo a riordinare quando ha finito di giocare. 

Come ultimo suggerimento: elimina tutti gli oggetti che possono risultare pericolosi. Nella camera del bimbo non dovrebbe esserci nulla che lui non possa usare o toccare in totale sicurezza. Concentrati, invece, sulla qualità degli oggetti e degli arredi, specialmente per quanto riguarda i loro aspetti educativi. Se possibile, posiziona gli interruttori della luce ad un’altezza raggiungibile comodamente anche dal tuo bambino, senza dimenticarti di coprire i fori delle prese elettriche!